venerdì 18 novembre 2011

mercoledì 12 ottobre 2011

Recensione a "Transilvania Love" a cura di Simona Liubicich

"Transilvania love" di Karinee Price
Recensione a cura di S.Liubicich da
 
Visitate il sito di Simona Liubicich!


“Sappi dunque che dal gran silenzio ritornerò…
Non dimenticare che a te verrò di nuovo…
Un breve momento, un po’ di riposo nel vento,
e un’altra donna mi porterà in grembo…”
Kahlil Gibram
Queste le parole che per prime mi colpiscono nel  libro di Karinee; la citazione di un poeta che spezza le barriere del tempo, destinato a sopravvivere in eterno. I suoi versi inneggiano alla vita che si ripete, si rigenera e continua all’infinito; una prefazione perfetta per il contenuto di questo testo che ho letto con crescente ammirazione per la scrittrice che a mio avviso merita un posto ufficiale nell’universo della letteratura romance. Di emergente non si può più parlare ormai; Karinee è una scrittrice, è una donna che sa mettere mano alla penna virtuale e trascrivere su carta sentimenti, passioni, dolore e speranza.
“Transilvania love” narra la storia di Bea, una giovane donna con un passato di sofferenza celato dietro la perdita dei suoi genitori quando era ancora una bambina. La morte dell’amata nonna che l’ha cresciuta con un’educazione affettuosa e di vecchio stampo, rendendola differente rispetto le ragazze della sua società, la spinge alla ricerca di qualcosa di diverso. Ed è in un parco che Bea incontra un uomo all’apparenza piacevole, Giulio, col quale inizia una storia che sembra mossa da amore reciproco. Ma da qui parte la corsa verso il passato che ritorna, inesorabile, oscuro, denso di mistero e avvenimenti che hanno dell’incredibile. Il viaggio in Transilvania, il Carpat Trophy, la spedizione alla quale Bea riesce ad accodarsi è la rampa di lancio per la ricerca di sé stessa, in un susseguirsi di colpi di scena in una terra considerata maledetta. Ben presto, lungo la strada della verità, affascinante ed allo stesso tempo  sinistra, diversi personaggi si aggiungono alla vicenda, dove non tutti sono quelli che asseriscono di essere, dove poteri soprannaturali si alternano alle notti di luna piena ed ai boschi inquietanti, dove qualcuno attende l’arrivo di Bea immerso  in un’atmosfera surreale,  incastrando i tasselli di un puzzle che lasciano il lettore in attesa del gran finale, sfogliando pagina dopo pagina senza potersi staccare, come è successo a me. Nell’oscurità anche l’amore, quello vero, attende; un amore che ha superato le barriere del tempo attraverso i secoli per essere ricongiunto e finalmente appagato…Attende anche la morte, sinistra, pericolosa e mossa da odio atavico ma qui non vi parlerò dei particolari della trama, poiché sarebbe fare spoiler su un libro che forse non avete ancora letto. Vi consiglio quindi di acquistare “Transilvania Love”; non vi deluderà così come non ha deluso me…
Simona Liubicich

lunedì 10 ottobre 2011

Da IL PICCOLO

Grado Giallo con Mondadori cerca scrittori da brivido

di Gabriele Sala
GRADO
Bilancio di successo per la quarta edizione di Grado Giallo, il Festival letterario dedicato ai generi del mistero e incentrato sul tema “Crimine e potere”, che si è chiuso ieri a Grado. «Abbiamo abbondantemente superato le tremila presenze registrate l’anno scorso», ha fatto sapere Flavia Moimas, della Direzione Ufficio Cultura del Comune di Grado, prima dell’annuncio ufficiale di un’importante novità comunicata sul palcoscenico dello Spazio Noir dal presidente del Comitato scientifico di Grado Giallo, Elvio Guagnini, dal sindaco di Grado Edoardo Maricchio e dal direttore editoriale delle Collane Edicola Mondadori, Franco Forte. E cioè l’istituzione del nuovo Premio letterario nazionale Grado Giallo Mondadori, la cui prima edizione si terrà in concomitanza con la rassegna del 2012. Il “matrimonio” tra Mondadori e il Festival voluto e ideato dal Comune di Grado e dall’Università di Trieste è stato ufficializzato con grande soddisfazione di tutti. «Il Premio Grado Giallo Mondadori – ha assicurato Franco Forte –, sarà divulgato e spinto da tutta la macchina Mondadori in sinergia con Grado Giallo». Il vincitore del nuovo premio nazionale, aperto a tutti gli autori di racconti e romanzi gialli, sarà selezionato da una ‘supergiuria’ composta da Mondadori e da Grado Giallo. Il racconto vincitore sarà pubblicato in appendice sul Giallo Mondadori che uscirà il prossimo anno in ottobre, in concomitanza con la quinta edizione del Festival, durante la quale avverrà la cerimonia di premiazione. Interessante il primo incontro di ieri mattina con i giallisti del Nordest Giancarlo Re (autore di “Emopoli”), Irene Pecikar (“Transilvania Love”), Mara Bomben (“Il viaggiatore nel vento”), Enzo Comelli (“Gialli per caso”), Antonello Dinapoli (“Il Mercoledì delle Ceneri”), coordinati da Tiziano Pizzamiglio. Gli autori hanno anche parlato dei lavori in cantiere: Re intende realizzare un libro che raccolga nuovi racconti d’autore sui “crimini del Nordest”; Pecikar sta lavorando a una storia d’amore tra due agenti di polizia; Bomben farà il seguito del “Viaggiatore nel futuro” e ha già pronta anche una raccolta di quindici racconti noir inediti; Dinapoli ha in mente una storia di zombie alla Barcolana di Trieste e Comelli sta preparando la seconda tranche di racconti, “Casi in giallo”. Poi l’incontro con l’autrice Cristiana Astori, traduttrice di “Dexter”, la celebre serie televisiva tratta dal romanzo di Jeff Lindsay, che con Mondadori ha pubblicato il romanzo “Tutto quel nero”, in uscita il 6 ottobre. «Ho un progetto di racconto noir - ha svelato Astori - con dentro la tenera storia d’amore di un adolescente». Carlo Flamigni, medico, docente, membro del Comitato Nazionale di Bioetica, ma anche romanziere di successo, ha presentato il suo ultimo romanzo, “Senso comune”, uscito nel 2011 per i tipi della Sellerio, che all’interno dello schema del giallo, affronta temi scottanti ed eticamente sensibili come la fine e l’inizio della vita, le terapie per la fertilità, la fecondazione assistita e il trattamenti per le malattie sessualmente trasmissibili. Foltissimo pubblico per Donato Carrisi, autore pluripremiato che ha presentato “Il Tribunale delle anime”, romanzo uscito per Longanesi, costruito sulla scorta della sua scoperta dello straordinario Archivio della Penitenzieria Apostolica Vaticana, organo della Chiesa sui crimini rivelati durante la confessione nel corso dei secoli, e con il quale gli agenti apostolici hanno avuto a che fare per oltre otto secoli. Carrisi ha poi annunciato che il suo precedente successo editoriale, “Il suggeritore”, diventerà un film entro il 2013. «Lo sto producendo io negli Stati Uniti – ha affermato –, perché oggi il cinema italiano non è più capace di produrre film di genere». Atteso e applaudito anche l’intervento del celebre giallista tedesco, e triestino d’adozione, Veit Heinichen che dopo aver presentato il romanzo “I peccati del corvo” di Sergio Miniussi ha fornito al pubblico alcune succose anticipazioni sul suo nuovo romanzo, “Nessuno da solo”, in uscita il 9 novembre sempre per l’editore e/o. «Un libro che ha molto a che fare con il tema di questo festival, cioè crimine e potere», ha detto il padre dell’ormai famoso commissario Proteo Laurenti. «E’ un romanzo che parla di tradimenti di ogni genere – ha aggiunto Heinichen -, a partire da quelli personali che si consumano in famiglia, fino a quelli che vengono perpetrati nei confronti delle verità della storia con la ‘s’ maiuscola”. In un libro che tratterà il tema della tendenza alla “correzione” della storia che diventa manipolazione dei fatti e falsificazione dell’informazione, Heinchen affronterà soprattutto la questione della “mezza verità”. “Una parte dei fatti viene censurata e soppressa- ha spiegato -, mentre la parte restante diventa la base della notizia che verrà veicolata domani». Il nuovo romanzo di Heinichen è ambientato tra Trieste e Grado, Udine e le Valli del Natisone. Protagonista sempre Laurenti, calato nel suo classico ambiente di indagini, ma con estensioni anche all’estero, a Londra e in Etiopia-Abissinia. ©RIPRODUZIONE RISERVATA

mercoledì 7 settembre 2011

4° FESTIVAL LETTERARIO - GRADO GIALLO 2011




CRIMINE E POTERE

Questo il tema di GRADO GIALLO 2011, il festival letterario dedicato al genere giallo-noir in programma dal 30 settembre al 2 ottobre sull’isola di Grado (Go).

Tre giorni di letture, incontri con gli autori, spettacoli, ospiti d’eccezione, conferenze, cene con delitto ed eventi enogastronomici faranno di questa suggestiva isola dell’Adriatico il regno di uno fra i generi letterari più amati.

Novità di quest
'anno, la premiazione del Concorso per testi teatrali indetto la scorsa primavera da Grado Giallo!

Per il programma dettagliato consultate il link
http://www.facebook.com/notes/grado-giallo/programma-della-quarta-edizione-di-grado-giallo/157701650982055
oppure il sito 
http://www.gradogiallo.it/

Inoltre:
  ASPETTANDO GRADO GIALLO:
Dal 26 al 29 settembre: book spot per le classi della scuola secondaria. Brevi interventi di lettura a cura di Damatrà 

  Spazio libri: 
durante il Festival, in largo San Grisogono sarà a disposizione uno stand con libri gialli, noir, horror.

Per maggior info: http://www.facebook.com/gradogiallo

Vi aspettiamo numerosi!!!


GRADO GIALLO: 
NON ESSERCI E’ UN DELITTO!

mercoledì 17 agosto 2011

I miei SEGRETI...

Vi lascio al booktrailer del mio nuovo romanzo SEGRETI edito da Edizioni R.E.I. disponibile da settembre!

mercoledì 25 maggio 2011

Festa a tema


La mia festa di compleanno è stata senza dubbio originale, questa volta. D’altronde, mi capita di festeggiare nel giorno esatto, solo ogni 4 anni. 
Ragionando con la mamma, sul fatto che potrei non compiere mai veramente diciotto anni, e tutto questo è inquietante, è nata l’idea della festa a tema: “Il compleanno fantasma”. Il mio look? Elegantissimo, ma spettrale.
“Buon compleanno, Lara!”.
“ ‘sera, papà. Grazie!”.
“Com’è andata la festa?”.
“Oh, benissimo. Ci siamo divertiti come matti”.
“Tesoro, scendi in cantina a prendere la bottiglia speciale".
“Quella che hai acquistato il giorno della mia nascita? E che conservi da sedici anni?”.
“Sì, proprio quella e… fai attenzione”.
Questa fissazione per la bottiglia è davvero bizzarra.   
Prendo le chiavi della cantina e mi avvio al piano di sotto. 
Non mi è mai piaciuto scendere qui. Quando ero piccola mi sembrava sempre di vedere strane figure aggirarsi nel sotterraneo. 
Ovviamente era solo la mia immaginazione.   
Scendo gli ultimi gradini e mi sento avvolgere dal gelo, una folata che proviene dalla finestrella stranamente aperta. I gradini sono finiti e mi sento smarrita. 
Non ricordo perché sono scesa in cantina. Certo, il fatto che la nostra casa sia stata costruita sopra il terreno di un vecchio cimitero, mi ha sempre disorientata. Ma questo non giustifica la mia memoria. 
L’aria ha un odore pungente e piuttosto acre.   
Mi giro di scatto, per tornare indietro, ma non c’è più il dietro.   
Sono al centro di un cimitero. 
Il mio cuore accelera bruscamente. Le gambe si fanno molli e, a fatica, mi trascino. Cerco di uscire da questo stordimento a cui rifiuto di credere. 
Ora chiudo gli occhi, li riapro, e torna tutto come prima. 
Ma non accade. 
 Arranco e appoggio una mano su una lapide, per sorreggermi.  
 L’incisione attira la mia attenzione:
Lara Alati
Nata il 29 febbraio 1960
Morta 29 febbraio 1960

Un’ombra sinistra, con quella bottiglia in mano, mi chiede: “Festeggiamo?”.

mercoledì 27 aprile 2011

RASSEGNA STAMPA






Da Il Piccolo 15 ottobre 2010


Da Il Piccolo 20 ottobre 2010

Da Il Messaggero 11 novembre 2010

Da IL Messaggero novembre 2010

Da Il Mercatino FVG dicembre 2010
Da Il Piccolo giugno 2010